La Strategia aziendale su come farsi conoscere dai potenziali Clienti

  • Marketing
  • 9 minuti di lettura
La Strategia aziendale su come farsi conoscere dai potenziali Clienti

Un’attività, piccola o grande che sia, deve avere una strategia aziendale. Questa stabilisce al suo interno tutti i punti essenziali su come farsi conoscere dai suoi potenziali clienti.

Non importa quanto questa Partita IVA sia strutturata. Ciò che conta è che abbia ben chiaro in mente come raggiungere i suoi potenziali clienti.

C’è sempre da ribadire un concetto alla base di ogni attività imprenditoriale. Quello che facciamo (mi ci includo anche io da libero professionsita) lo facciamo per un unico scopo. Il profitto.

Sembra banale ma spesso ci si dimentica dello scopo ultimo e ci si perde in tantissime cose che rientrano nella strategia aziendale per attirare potenziali clienti ma che in realtà non sono poi così utili allo scopo.

Un esempio? Spesso ci si focalizza troppo su quelle che sono le vanity metrics (likes, commenti, followers ecc.) tralasciando invece che la pagnotta sulla tavola arriva solamente quando il cliente ci paga (e non quando ci fa sapere che gli piace il nostro contenuto).

  1. La strategia aziendale su come farsi conoscere dai potenziali clienti (ridotta all’essenziale)
    1. Obiettivo: alzare il fatturato.
    2. Strategia aziendale: le due strade per raggiungere l’obiettivo.
      1. Farsi conoscere dai potenziali clienti.
      2. Fidelizzare i clienti esistenti.
  2. Ottimizzare il proprio tempo alzando comunque il fatturato.
    1. La strategia aziendale 2.0.
    2. Ottimizzare il tuo tempo facendoti seguire lungo il percorso.

La strategia aziendale su come farsi conoscere dai potenziali clienti (ridotta all’essenziale)

La strategia che un’azienda dovrebbe seguire per farsi vedere da potenziali clienti non prevede l’uso dei social e in generale dei media di comunicazione con lo scopo di farsi sentire.

La partenza è sicuramente comunicare da qualche parte e far vedere al pubblico la nostra attività, ma mantenendo bene in mente l’obiettivo primario che è il fatturato e non, come si potrebbe pensare, la visibilità.

La visibilità è un elemento fondamentale per chi si propone ad un mercato generalista con dei prodotti di consumo.

Solo in quel caso quella che si chiama brand awareness ha senso, perché abbiamo un prodotto o servizio che serve a tutti (vedi carta igienica, spazzolini ecc.). Competiamo però con tantissime realtà. In un contesto del genere non vince quasi mai chi ha il prodotto migliore. Prevale chi è stato in grado di entrare maggiormente nella testa delle persone.

Ora, questo tipo di aziende (aka Coca Cola, Samsung…) di certo non capiteranno su questo articolo.

Chi sta leggendo in questo momento ha cercato su Google la strategia aziendale su come farsi conoscere dai potenziali clienti. Da questa informazione molto probabilmente è un titolare di una piccola Partita IVA che ha bisogno di trovare nuovi clienti a cui vendere il suo prodotto e servizio.

Non ha bisogno di visibilità, ma di fatturato.

Obiettivo: alzare il fatturato.

La strategia quindi parte dall’obiettivo di alzare il fatturato. Ogni azione che verrà fatta sarà in funzione di questo.

Ogni comunicazione sarà legata a conoscere nuovi potenziali clienti e a trasformarli in clienti paganti.

Lo ribadisco di nuovo perché è molto importante: la comunicazione dev’essere fatta per vendere, non per acquisire simpatie tramite mi piace, commenti e visualizzazioni.

Una piccola Partita IVA non deve piacere a tutti (comunicazione inclusiva che fanno i grandi brand) ma deve essere funzionale a ciò che vende (comunicazione esclusiva, ovvero che repelle chi non è in target e attira i pochi che lo sono).

Lazy Mix

Strategia aziendale: le due strade per raggiungere l’obiettivo.

Rispettando l’obiettivo prefissato ci sono due strade da percorrere in contemporanea e su cui focalizzarsi. Farsi conoscere dai potenziali clienti capendo dove trovarli e come parlare loro e fidelizzare i già clienti offrendo loro ulteriori servizi.

Farsi conoscere dai potenziali clienti parlando nei posti giusti e rispondendo alle loro esigenze.
Figura 1: farsi conoscere dai potenziali clienti parlando nei posti giusti e rispondendo alle loro esigenze.

Farsi conoscere dai potenziali clienti.

Questa parte è enorme ed è probabilmente il motivo per cui tu ora stai leggendo questo articolo.

Per farsi conoscere dai potenziali clienti ci sono 3 aspetti fondamentali da rispettare:

  1. capire quali sono i posti che frequenta il tuo potenziale cliente (online e offline) e imparare a raggiungerli efficacemente;
  2. capire quali sono le leve emotive e i bisogni che vogliono risolvere (ovviamente legati al tuo prodotto e/o servizio);
  3. comunicare per vendere in base al luogo in cui trovi il tuo potenziale cliente (in negozio comunicheresti in modo diverso che al ristorante, giusto? Così come su Instagram comunichi in modo diverso che su YouTube) e secondo le sue esigenze (parlare dei suoi problemi e delle sue risoluzioni mettendo al centro la persona, e non il prodotto).

Ogni punto meriterebbe una trattazione separata ma questo articolo diventerebbe infinito e noioso alla morte.

Ne ho comunque già parlato in passato (e continuerò a parlarne) in altri articoli.

Per approfondire questa parte sul come farsi conoscere dai tuoi potenziali clienti ti invito a leggere Come farsi conoscere sul Web se hai una piccola Partita IVA e Come trovare clienti da Libero Professionista e guadagnare da subito.

Se sei veramente interessato all’argomento ti invito a guardare la serie di video che ho dedicato alle piccole attività imprenditoriali.

Playlist 1: come trovare nuovi clienti…

Noi proseguiamo diritti verso il prossimo punto… un punto sempre troppo spesso sottovalutato.

Fidelizzare i clienti esistenti.

Fidelizzare i tuoi clienti esistenti è fondamentale. Troppo spesso vedo imprenditori e piccole Partite IVA trascurare completamente questa parte. In realtà è quella che, nel lungo periodo, porta maggiori risultati in termini strettamente economici.

Infatti non dovrai spendere soldi in pubblicità per farti conoscere. Semplicemente dovrai fare un’analisi dei tuoi migliori clienti e dargli sempre qualcosa in più (ovviamente in cambio di un adeguato compenso economico).

Il mio consiglio veloce è di trovare i tuoi top 10 clienti (in base al margine che ti portano e a come ti sei trovato con loro) e trovare per ciascuno di essi dei miglioramenti da apportare alla loro attività tramite un tuo servizio ulteriore.

Questo dovrà essere altamente desiderabile perché dedicato solamente ai tuoi migliori clienti e che realmente risolve una loro criticità.

Prenditi il tuo tempo e crea questo prodotto/servizio in backend (non visibile da tutti ma solo dai tuoi migliori clienti). Trova quindi la formula per renderlo desiderabile e imprescindibile da avere.

Fatto questo crea un prodotto/servizio per i tuoi clienti di fascia media e contattali con questa opportunità.

Magari dai loro un omaggio significativo per spingerli verso la tua direzione.

Prova, testa, tieni quello che funziona e butta il resto. Il tuo margine ringrazierà moltissimo.

Ottimizzare il proprio tempo alzando comunque il fatturato.

Bene, siamo quasi giunti al termine di questo articolo. Riconosco che non sia esaustivo (per esserlo dovrebbe diventare un corso da almeno una decina d’ore) ma l’intento qui era quello di aprirti ad un nuovo approccio per la tua strategia aziendale su come farti conoscere dai tuoi potenziali clienti.

Tutto quello che finora ti ho descritto è relativo al trovare nuovi clienti e ad ottimizzare le entrate da quelli che hai già acquisito. C’è ancora però una cosa importante da fare per la tua strategia.

Una delle poche cose (forse l’unica) che non è recuperabile è il tempo.

Vale per tutte le attività della tua vita e vale ancor di più per la tua attività imprenditoriale: devi quindi ottimizzare il tuo tempo.

Ottimizzare il tempo significa letteralmente lavorare di meno mantenendo (prima) le stesse entrate (e poi) cercando di alzarle nel tempo.

La strategia aziendale 2.0.

Una volta ottimizzata la strategia per farsi conoscere dai tuoi potenziali clienti, garantendoti un flusso continuo di nuovi lavori e/o vendite, dovrai iniziare a pensare come raggiungere gli stessi risultati impiegando sempre meno il tuo tempo.

Anche in questa parte non esiste la soluzione magica e per tutti uguale. Dipende fortemente dal tipo di attività svolta. A volte ti basterà delegare in modo intelligente, altre dovrai investire in un sistema automatizzato, in altre dovrai cercare collaborazioni profique. In altre ancora ti serviranno dei prodotti che si vendono in modo automatico e che richiedono solo lo sforzo per essere creati (come prodotti digitali, videocorsi ecc.).

Esempio di ottimizzazione tramite vendita di un prodotto digitale come un videocorso.
Figura 2: esempio di ottimizzazione tramite vendita di un prodotto digitale come un videocorso.

L’unica cosa sicura è che, ad un certo punto, non potrai più alzare le tue entrate e i tuoi margini solo con il tuo lavoro operativo. Raggiungerai un limite di ore alla settimana che non puoi (e vuoi) superare.

Certo, potrai alzare il costo dei tuoi prodotti e/o servizi, ma anche questi, ad un certo punto, raggiungeranno un limite (dato dal mercato e su cui puoi giocarci fino ad un certo punto).

Ottimizzare la strategia aziendale in questo senso ti permetterà anche di vedere quali sono i processi che si possono tagliare o modificare per essere meno dispendiosi possibile.

In poche parole: ottimizzazione intelligente delle risorse per sempre un profitto più alto.

Ottimizzare il tuo tempo facendoti seguire lungo il percorso.

C’è ancora una cosa che ti consiglio di fare per essere sicuro di essere nella giusta direzione. Farti seguire giorno dopo giorno da un professionista (vero) nella comunicazione e nel marketing per piccole e piccolissime Partite IVA.

Lo so, molti sono restii in questo senso perché qua fuori ci sono molte persone diciamo poco competenti e fin troppo fuffarole.

Se sei anche tu restio in questo fidati… ti capisco.

Un altro ostacolo sono i prezzi esorbitanti che il più delle volte vengono richiesti e che circolano nel settore del marketing.

A volta sono giustificati, ma quando si parla di piccole attività sono quasi sempre eccessivi e mal spesi.

Per questo ho deciso di creare Lazy Coach, ovvero un vero e proprio servizio di consulenza in cui ti affianco durante tutta la strategia aziendale e ti spiego come farti conoscere dai tuoi potenziali clienti, guidandoti giorno dopo giorno verso il tuo obiettivo monetario.

Ha un prezzo irrisorio per i benefici che può portare ma attenzione… io ti guiderò ma tu dovrai sporcarti le mani in prima persona, perché è solo così che riuscirai nel tempo a padroneggiare il marketing della tua attività.

L’idea è seguirti dai 6 mesi ad un anno e darti le basi che poi ti basteranno per essere completamente autonomo.

Se sei curioso puoi scrivermi via email a [email protected] o direttamente su WhatsApp al numero +39 0433 786197.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *